Skip to content

Tecniche e metodi per cucinare la pasta: a risotto

21 dicembre 2013

Nel post precedente abbiamo visto una ricetta di Davide Scabin che applica le conoscenze sulla gelificazione degli amidi per ottenere una pasta cotta in maniera perfetta. La tecnica è semplice e consiste nel fare bollire la pasta per 2 minuti e poi lasciarla cuocere a fuoco spento.

Vediamo adesso un’altra tecnica nota come “cottura a risotto” o “pasta risottata”.

Nel 2009 Harold McGee pubblicò sul New York Times l’articolo “How Much Water Does Pasta Really Need?” in cui si chiedeva quanta acqua fosse realmente necessaria per cucinare la pasta. In opposizione alla tradizione italiana di cucinare la pasta in molta acqua, provò a cucinarla in poca acqua. L’idea è quella di utilizzare una quantità di acqua sufficiente per coprire e idratare la pasta. Come evoluzione di questa tecnica è nato il metodo di cucinare la pasta a risotto, cioè aggiungere progressivamente acqua o un brodo aromatico.

Il vantaggio di questa tecnica è quella di non disperdere l’amido della pasta nell’acqua e di concentrarla per addensare il sugo.

Gli chef hanno colto la tecnica e si sono sbizzarriti nelle ricette.

Ecco qui Igles Gorelli presenta la pasta risottata con verdure

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: